Mamma Ultrà

Le rinunce

Quando si parla di rinunce nel campo calcistico si pensa immediatamente ai sacrifici degli atleti, al tempo che devono dedicare agli allenamenti e sottrarlo a tutto il resto, alle differenze con i propri coetanei.Ma esistono anche altri tipi di rinunce che difficilmente vengono alla ribalta: si tratta di quei calciatori che rinunciano agli avanzamenti di carriera.Può sembrare strano ma ci sono davvero quei ragazzi che consapevolmente decidono di non andare in società più elevate e i motivi sono apprezzabili.C'è chi non vuole spostarsi e cambiare radicalmente la propria vita, c'è chi non ama la pressione del calcio professionistico,c'è chi vuole studiare (sono pochi ma esistono!) c'è chi è legato alla propria squadra e c'è anche chi semplicemente si vuole godere il gioco del calcio a modo proprio.Anche la decisione di rinunciare è encomiabile, è un modo di affermare il proprio io, di prendere le redini della propria vita.Quindi forse non si tratta di una vera e propria rinuncia ma al contrario di un goal a proprio favore.Non so se avete già visto il film "Il Campione"con Andrea Carpenzano e Stefano Accorsi ma vale la pena per gli appassionati di calcio a tutto tondo e lo consiglio vivamente senza fare spoiler.La conoscenza di questo sport  va molto aldilà dei 90 minuti in campo e per formare un calciatore vanno considerate le sue mille sfumature.Questo è l'intento del blog della "Mamma Ultrà"! 

Natascia Casciani