Mamma Ultrà

La fatica

"Il calcio deve per prima cosa essere un divertimento".Ma dietro a questo divertimento c'è anche un impegno immenso, una gran fatica nell'affrontare tutte le vicissitudini legate al mondo del calcio.Non si tratta di fatica fisica soltanto altrimenti basterebbe una bella dormita per ritemprarsi e il problema si risolve, ma di fatica mentale per equilibrare tutte le emozioni contrastanti che lo sport solleva.La Mamma ultrà, costantemente in ansia, quando vede il proprio figlio tornare da scuola alle due mangiare un boccone preparare il borsone e prendere il pulmann per andare agli allenamenti da un lato è orgogliosa dall'altro sbalordita per la costanza e la passione che dopo anni continua a vedere in quei gesti.

Tutto l'anno ruota intorno agli impegni calcistici : preparazione atletica l'estate, allenamenti e partite di campionato autunno inverno e primavera.Nel frattempo devi trovare un giusto equilibrio con l'allenatore con la squadra e con te stesso...e non è un lavoro qualsiasi.E nonostante ogni ragazzo abbia la popria storia passata in campo la fatica e l'impegno è per tutti uguale come allo stesso tempo è uguale per le mamme ultrà che dietro le quinte seguono i propri figli.

E quindi quando sento dire che gli adolescenti di oggi non hanno stimoli o valori mi sento di consigliare un giro nei campi sportivi non durante le partite bensì nei giorni di allenamento per vedere quanti sono i ragazzi che con fatica e impegno si divertono seguendo la loro passione con costanza e di dare una occhiatina anche nei parcheggi dove le mamme ultrà attendono per il rientro a casa.

 

Natascia Casciani